Parisienne

Parisienne

Nathalie Peigney

Chi gioca a fare La Parisienne? Alzi la mano chi non vorrebbe avere l’eleganza innata delle parigine. Mangiare le cozze in maniera chic, avere gli indirizzi giusti, osare i calzini con il sandalo Chanel (ma anche No). Ma bisogna studiare. O leggersi le dritte di Nathalie Peigney nel suo Sophie la Parigina di Youcanprint (€ 22, sophietheparisian.com), dizionario dell’art de vivre, dalla A di Accessori alla V di Vintage.
Un paio di ballerine, meglio le Cendrillon di Repetto abbinate ai pantaloni chino, una cintura fashion, un trench, una bicicletta e una borsa grande che contenga la trousse per il trucco e la tracolla.
La prigina non va per i saldi il sabato e non porta cappelli con troppi fronzoli. Compra i fiori da Monceau Fleurs, si lascia ispirare dal cielo blu e dalle bellissime canzoni di Edith Piaf.
Certo, non può essere tutta teoria. Andare sul campo è fondamentale per scoprire i posticini di moda a SoPi (South Pigalle) e per conoscere la vera differenza tra Rive Gauche e Rive Droite.
E così l’esame “da parigina” è superato!

Like(1)Not Like(0)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *