Macchie rosse: un romanzo nostalgico e poetico

Siete appena rientrate dalle ferie e avete malinconia del mare? Davanti ai vostri occhi ci sono ancora lunghe spiaggemacchie rosse di sabbia e acqua cristallina? Il libro che fa al caso vostro, per continuare a sognare le vacanze, è Macchie rosse di Alessandra Montrucchio, edito nel lontano 2001 da Marsilio. Un romanzo da scovare fra gli scaffali delle librerie o delle biblioteche, che vi farà volare con la fantasia. Una storia piena di nostalgia: per gli anni Ottanta, per l’adolescenza, per i mesi trascorsi fra le dune dei lidi ferraresi, per le compagnie numerose e le coca-cole acquistate a poche lire.
Ci troviamo al Lido di Spina nel 1984. La protagonista di Macchie rosse è Titi, una bellissima giovane donna, che ormai da diciotto anni trascorre le vacanze a casa della sorella maggiore. Attraverso la sua voce conosciamo gli altri macchie rossepersonaggi del racconto, un insieme di nomi e di volti, di amori e litigi. C’è il bello del gruppo, Ale, con cui Titi si prende e si lascia ormai da diverso tempo. Il sorriso misterioso di Luca, nuovo acquisto della compagnia di Spina. Fizz, trentenne inglese, idealizzato da Titi come il grande amore della sua vita. E poi Morgana, Babe, Daria…
Tutti sono tornati ancora una volta a Spina, pronti per passare un’altra estate immobile, nella loro testa identica a quelle precedenti. Bagni in piscina di notte, pettegolezzi, le prime sbronze e il primo sesso. Ma, contro ogni possibile piano, l’estate del 1984 sarà diversa, pronta a sconvolgere le loro vite per sempre.
Il romanzo perfetto per chi ha amato Acciaio di Silvia Avallone oppure Io non ho paura di Niccolò Ammaniti. Si inserisce alla perfezione in quel filone di storie in grado di narrare l’adolescenza senza fronzoli e buonismo, raccontandola attraverso luci e ombre. Alessandra Montrucchio regala al lettore un tuffo nel passato, mantenendo una tensione palpabile fino all’ultima pagina, perché fin dal titolo si capisce che qualcosa di grave accadrà.
Macchie rosse è una bella storia da leggere col sorriso che affiora sulle labbra.

Image source: marsilioeditori.it

Like(1)Not Like(0)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *