La ragazza che brucia: storia di una giovane amicizia

Ognuno di noi ha nella memoria e nel cuore l’amica storica. Quell’amica conosciuta a volte addirittura fra i banchila ragazza che brucia della scuola materna, con cui si è cresciute, mano nella mano. Le avventure estive, correre il primo giorno di scuola per sedersi una di fianco all’altra, i giochi e le prime cotte. Patti e promesse di amicizia eterna: saremo amiche per sempre! Eppure a volte capita di perdersi di vista, crescendo si cambia e ci si allontana, e di questa amica con cui abbiamo trascorso ore e ore a chiacchierare, ci rimane solo il ricordo. Proprio di questo narra il nuovo romanzo di Claire Messud, intitolato La ragazza che brucia, edizioni Bollati Boringhieri, stessa casa editrice del romanzo Tanti piccoli fuochi.
Due bambine si conoscono e si frequentano dall’asilo. I fatti vengono narrati proprio da una di queste due protagoniste: Julia, figlia di un dentista e di una giornalista, appartiene a una famiglia della media borghesia. Al contrario Cassie, l’altra protagonista della nostra storia, è figlia di una madre single e non ha mai conosciuto il padre. Questa differenza, inizialmente innocua, sarà destinata a segnare la loro amicizia nel corso degli anni. Con il passaggio dalle elementari alle scuole medie, Cassie e Julia non saranno più in classe insieme, e inizieranno a frequentare compagnie diverse, che porteranno la fragile Cassie sulla brutta strada.
la ragazza che bruciaInoltre, mentre Julia è accompagnata nei difficili anni adolescenziali da una famiglia unita e comprensiva, il nucleare famigliare di Cassie presenta diverse problematiche. Bev, la madre di Cassie, dopo anni di solitudine in cui si è dedicata esclusivamente alla figlia, accetta la corte di Anders, un medico dall’aspetto e dai modi inquietanti. Cassie si convince che Anders abbia deciso di corteggiare Bev, solo per poter stare più vicino a lei e molestarla. Julia ha sentore delle paure dell’amica d’infanzia, le sente sotto pelle come se fosse lei stessa a provarle, eppure non può fare nulla per aiutarla, perché ormai Cassie la tiene a distanza. Eppure, grazie ad un’ultima fondamentale premonizione, sarà proprio Julia a salvare Cassie, la ragazza che brucia.
Claire Messud riesce a mescolare alla perfezione romanzo di formazione e mistero. Infatti La ragazza che brucia è praticamente un romanzo spaccato a metà. Una prima parte limpida e solare, in cui Julia e Cassie sono ancora bambine e trascorrono l’estate tra il volontariato nel canile cittadino e il bosco che circonda le loro case. E una seconda parte cupa e misteriosa, in cui il tema centrale è la paura. «Crescere significa imparare ad avere paura», dice Claire Messud e all’interno del romanzo ci sono due tipi di paure. Per Julia la paura arriva dall’esterno, storie di cronaca nera che raccontano rapimenti e abusi. Al contrario per Cassie la paura nasce dentro casa.
Una libro da leggere perché ognuna di noi è stata amica di una ragazza che brucia.

Image source: bollatiboringhieri.it

Like(1)Not Like(0)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *