Espadrillas, che passione!

Colorate e versatili, le espadrillas, ne avevamo parlato qui, sono la quintessenza della calzatura estiva. Per l’estateespadrillasespadrillas 2018, la moda ne propone diversi modelli, che variano nella forma, nel colore e nell’altezza. Inizialmente nate come calzature per contadini, le espadrillas sono diventate perfette scarpe da passeggio sia da donna che da uomo e il loro nome deriva da “espart”, che in lingua occitana indica una pianta adatta a realizzare le corde. Di solito vengono prodotte in Spagna o in Bangladesh e hanno una suola di iuta, corda o gomma. Negli Stati Uniti sono apparse nel 1940 e poi rilanciate come vera e propria moda negli anni Ottanta. Si va dalle flat espadrillas, leggere e comode anche da portare in viaggio, a quelle con doppia suola di corda per sollevare il piede da terra, fino a quelle con zeppa, altissime con lacci in tessuto vichy o velluto francese, che si chiudono sulla caviglia con un fiocco. E ancora, troviamo espadrillas espadrillaschiuse, a pantofola, con nappine e lacci, a righe, macramè, ricamate e di pelle, ognuna disegnata con creatività dagli stilisti per rappresentare al meglio le diverse attitudini di stile. Tra i modelli di punta di quest’anno, abbiamo la capsule collection di Castañer, storica casa di calzature spagnola, disegnata da Manolo Blahnik, a dimostrazione che anche le scarpe in corda possono essere esclusive e in limited edition. Ci sono poi le espadrillas di Manebì, con le sue texture 3D. Chanel, per l’estate 2018, propone espadrillas bianche, nere, nude e con una punta di colore rosa fenicottero. E anche le maison di moda, tra cui Dolce&Gabbana, Saint Laurent e Christian Louboutin, propongono le loro versioni di espadrillas luxury. La caratteristica più divertente di questo tipo di calzatura è che si abbina davvero a qualsiasi tipo di outfit, dalla gonna a fiori al jeans skinny, colorando sia il giorno che la sera con il suo stile nomade contemporaneo.

Image Source: Pinterest

Like(2)Not Like(0)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *