Sensibile, grassa, secca o mista: a ogni pelle la sua maschera di bellezza!

Le maschere di bellezza continuano a vivere un momento di grande popolarità: dalle black mask  a quelle effettomaschera viso seconda pelle firmate Lancôme, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Esistono, però, alcune precauzioni per la scelta della maschera su misura delle proprie esigenze cutanee. Le maschere viso contengono una percentuale di principi attivi e cosmeceutici nettamente superiore a quella delle creme. Altri plus sono l’effetto intensivo e la relativa rapidità d’azione. Per non parlare della versatilità: ce ne sono davvero per ogni esigenza. Per idratare, rivitalizzare, tonificare, detossinare, purificare, nutrire, ammorbidire la pelle, incentivare il microcircolo del viso, schiarire, ripristinare un alterato equilibrio idrolipidico cutaneo, proteggere la pelle sensibile dallo smog. Quel che è certo è che la maschera viso dev’essere perfettamente adattata ai differenti tipi di pelle.

  • Maschera per pelli sensibili: la pelle sensibile è spesso arrossata, sensibile alle variazioni climatiche, ha un PH instabile, è poco tollerante ai cosmetici e necessita di maschere di tipo lenitivo e idratante. Poiché il mantenimento di una buona idratazione cutanea è fondamentale per il benessere delle pelli sensibili, cercate all’interno della vostra maschera componenti idratanti, lenitivi e decongestionanti. In questo caso consigliamo la maschera della linea SkinFood euro 14.50, contenente zucchero nero brasiliano ricco di minerali e miele idratante per una pelle morbida e luminosa.
  • Maschera per pelli mature: pelle matura uguale rughe, discromie e possibili macchie cutanee. Nellamaschera viso maschera dovrete cercare componenti ad azione anti-age. Qualche esempio? Acido ialuronico, collagene marino e vitamine, ma anche estratti di mimosa per ridare luminosità, alfa-idrossiacidi per levigare, carcinina per combattere l’azione glicante rallentando così l’invecchiamento, oligopeptidi ed estratti della seta come la sericina per un immediato effetto liftante. Bene anche principi attivi illuminanti ed esfolianti come acido glicolico, allantoina, canfora, cetriolo e vitamina C.
  • Maschera per pelli grasse ed impure: la pelle seborroica appare lucida e untuosa per via di un’eccessiva produzione di sebo, oltre ad avere pori evidenti e dilatati e presenza dei classici punti neri. Fanno per voi maschere a base di componenti attivi ad azione astringente e dermopurificante: tra i principali troviamo estratti di tè verde, bardana e lievito, hamamelis e cetriolo, propoli e argilla, carbone vegetale. Sì anche a principi attivi esfolianti, in primis gli alfa-idrossiacidi, che vengono ampiamente utilizzati all’interno di maschere per eliminare impurità e donare nuova luminosità al viso.
  • Maschera per pelli miste: questa è una pelle non uniforme, con zone secche e aride come le guance,maschera viso contorno occhi e labbra, collo, alternate a zone impure, grasse e a tendenza acneica. Le serve un trattamento personalizzato e multimasking, combinando maschere differenti. Consigliamo una beauty mask a base di argilla, This Works euro 39.00, per trattare la zona a tendenza acneica.
  • Maschera per pelli secche: la pelle secca può essere disidratata per via di un basso contenuto in acqua o arida a causa della scarsa presenza del film idrolipidico superficiale. Appare screpolata, sottile, asciutta e ruvida al tatto, con ridotta elasticità e luminosità e poca resistenza agli agenti esterni. La maschera viso dovrà contenere principi attivi ad azione nutriente e riparatrice per ripristinare le condizioni di normalità. 

Image Source: Pinterest

Like(1)Not Like(0)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *